Il passaggio all’uva senza semi sta guadagnando slancio

Tholen-lo scorso fine settimana Lucien e Luuk de Wit di LubaFresh hanno visitato i loro fornitori di uva in Puglia. “Cerchiamo di visitare i nostri fornitori regolari circa una o due volte l’anno e questo è importante, soprattutto ora che ci sono molti sviluppi con nuove uve senza semi in Italia”, afferma Lucien.

“Dieci-quindici anni fa, l’intera gamma di uve italiane era ancora composta da uve bianche, rosse e nere senza noccioli. Ora devo dire che le uve Italia e Victoria sono ancora insuperabili nel gusto. L’Italia è diventata uno degli ultimi paesi a concentrarsi sull’uva senza semi su richiesta dei clienti retail europei. E di conseguenza, negli ultimi anni è stata aggiunta un’enorme quantità di varietà senza semi”, afferma Lucien.

“Non tutti i clienti sono ugualmente soddisfatti di questo, perché questo porterà una vasta gamma di varietà sul mercato, ma alla fine i corridori saranno lasciati con questo”, Lucien si aspetta. Chiama le uve in questa stagione qualitativamente super. “Da marzo in poi è stato estremamente caldo in Italia e ora per la prima volta in quattro mesi è caduta una piccola pioggia. A causa del clima caldo, la granulometria è un po ‘ indietro, ma il gusto è super. Le temperature un po ‘ più basse ora offrono anche prospettive per le varietà successive che arriveranno sul mercato a settembre e ottobre.”

Lucien ha visitato il suo fornitore abituale La Pernice, di cui Luba Fresh ha l’esclusiva per il mercato olandese, così come Bergware, di cui è il distributore esclusivo nel sud dei Paesi Bassi. “Queste uve vengono in una confezione speciale tre volte alla settimana e vengono già smistate prima di essere scaricate”, dice Lucien, che è orgoglioso che anche suo figlio Luuk sia entusiasta del commercio. “Il mio socio in affari in Italia, con cui lavorerò per trent’anni il prossimo anno, Mario Perrone, conosce Luuk da quando era in pannolini.”

I prezzi delle uve senza semi quest’anno sono di circa un euro per scatola più alti rispetto allo scorso anno, ma allo stesso tempo questo è lontano dal compensare gli enormi aumenti dei costi. Solo i costi per il trasporto su strada sono già superiori del 25-30% rispetto allo scorso anno”, ha affermato Lucien. Tuttavia, le vendite di uva sono diverse rispetto al passato, osserva lo specialista dell’uva. “È ancora possibile ottenere un prezzo accettabile per le uve di alta qualità, ma in realtà non esiste un mercato per la qualità inferiore oggi.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.