“SOCIALMENTE PERICOLOSO”: SORVEGLIANZA SPECIALE PER 22ENNE DI CARBONERA

E’ attualmente in carcere per la rapina ad una coppia
CARBONERA – L’ultimo episodio, per il quale è tuttora in carcere, è stata una rapina ai danni di una coppia, compiuta un paio di settimna fa. Nonostante la giovane età, un 22enne residente a Carbonera ha alle spalle un lungo curriculum di reati contro la persona e contro il patrimonio, per i quali è stato più volte denunciato e arrestato.
Proprio per la tipologia e le modalità dei reati commessi in questi ultimi anni dal giovane, lo scorso aprile la Divisione di Polizia anticrimine della Questura di Treviso ha fatto richiesta al Tribunale di Venezia di applicare nei suoi confronti misura cautelare della Sorveglianza Speciale.
La proposta è stata accolta: il giudice ha ritenuto il giovane socialmente pericoloso, disponendo una serie di incisive prescrizioni, come l’obbligo di soggiorno per due anni nel comune di Carbonera o il divieto di allontanarsi dalla propria dimora senza preventivo avviso all’autorità di pubblica sicurezza. La sorveglianza speciale è un provvedimento di prevenzione previsto dalla legge che limita la libertà di soggetti pericolosi permettendo un più facile controllo a tutela della comunità.
La misura diventerà operativa quando il 22enne verrà scarcerato. In questo momento, infatti, come detto, è detenuto nel carcere di Treviso per aver rapinato, nella notte tra il 23 e il 24 luglio scorsi, un ragazzo e una ragazza stranieri, suoi conoscenti, in zona San Lazzaro, periferia del capoluogo della Marca. Intimato ai due di consegnargli alcune dosi di metadone, di fronte al loro rifiuto, ha ferito l’uomo con un coltello da cucina all’arcata sopra l’arcata sopraccigliare. Allertate le Volanti, il 22enne è stato subito rintracciato e bloccato. Al momento del controllo, ha opposto resistenza sferrando calci e pugni ai poliziotti che nonostante la condotta violenta sono riusciti ad arrestarlo per il reato di tentata rapina, lesioni. aggravate e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.