La banca Intesa aumenta l’offerta per il compagno di classe UBI

La banca italiana Intesa Sanpaolo ha aumentato di 652 milioni di euro l’offerta per la sua controparte Unione di Banche Italiane (UBI). L’UBI aveva precedentemente respinto il tentativo di acquisizione non richiesto.

Intesa Sanpaolo ha fatto un’offerta azionaria a febbraio per 4,9 miliardi di euro. Il vertice dell’UBI ha respinto la proposta, tra le altre ragioni, perché preferisce essere pagato in contanti. Ora Intesa è disposta a pagare altri 57 centesimi in contanti per azione in aggiunta all’offerta precedente, il che darebbe agli azionisti un bonus del 45% sul valore dei loro pezzi.

Due gruppi di azionisti, che insieme rappresentano il 13 percento di tutte le azioni UBI, hanno già approvato i piani di acquisizione di Intesa. Altri possono accettare l’offerta fino al 28 luglio.

Dopo una possibile fusione, emergerebbe una banca che supererebbe la più grande banca italiana, UniCredit. Il settore bancario è alla ricerca di modi per rimanere redditizi in periodi di bassi tassi di interesse e unire forze come questa potrebbe aiutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.