TEMPO INSTABILE E PIOGGIE SUL VENETO FINO A MERCOLEDÌ

Attesi ancora rovesci e temporali
VENEZIA – Nel weekend appena trascorso la regione è stata interessata da condizioni meteorologiche caratterizzate da una spiccata instabilità atmosferica a causa dell’approfondimento sull’Europa occidentale di una profonda saccatura con aria fredda in quota di origine polare-artica che ha richiamato sull’Italia correnti umide e instabili sud-occidentali. E la situazione non pare destinata a cambiare in modo significativo almeno per i prossimi giorni: anche oggi, lunedì, e almeno fino a mercoledì 10, sulla regione sono previste condizioni di tempo instabile, con frequenti precipitazioni anche consistenti e a carattere di rovescio o temporale che localmente potranno risultare di forte intensità. A confermarlo il bollettino meteo diffuso dall’Arpav, l’agenzia regionale per l’ambiente.Sabato 6 i fenomeni più significativi si sono registrati nel pomeriggio-sera, con rovesci e temporali sparsi che hanno interessato soprattutto le aree prealpine e pedemontane e localmente la pianura centrale. Una cella temporalesca particolarmente sviluppata e con segnali di forte intensità è stata osservata in particolare nel Veronese in serata, colpendo anche la città di Verona con rovesci molto intensi e forti grandinate. La stazione meteorologica della rete ARPAV posizionata a San Pietro in Cariano (VR) ha rilevato precipitazioni molto intense con massimi di 20 mm in 5 minuti e 43 mm in 30 minuti, classificando l’evento come nubifragio. Domenica 7 le condizioni meteorologiche sono progressivamente peggiorate registrando dalle ore centrali frequenti rovesci e temporali, a tratti diffusi e anche di forte intensità, soprattutto sulla pianura centro-settentrionale tra il Trevigiano e il Veneziano. In queste zone i ripetuti e forti rovesci hanno fatto registrare quantitativi complessivi di precipitazione localmente abbondanti, fino a massimi di 50-80 mm circa nell’area intorno a Treviso e con segnalazioni di forti grandinate in particolare sulle zone più orientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.