ESEGUITI I PRIMI CENTO TEST SIEROLOGICI A MONASTIER

Verrà effettuato uno screening sulla popolazione
MONASTIER – Eseguiti i primi cento prelievi venosi del test sierologico per l’individuazione delle immunoglobuline del Covid-19 sulla popolazione di Monastier. 1100 gli abitanti, un rappresentante per famiglia, che nell’arco di cinque giorni hanno aderito in massa all’iniziativa. I test per i cittadini sono completamente gratuiti, grazie al pagamento della quota di 10 euro per test da parte dell’amministrazione comunale e della rimanenza, 27 euro, offerta della Casa di Cura “Giovanni XXIII di Monastier”. Grazie ai dati raccolti con questa iniziativa si potrà realizzare un vero e proprio screening epidemiologico dell’intero paese, con anche una diffusione maggiore rispetto alla campagna nazionale, iniziata a sua volta ieri. A Monastier infatti il rapporto è di un residente monitorato ogni quattro, a fronte del rapporto uno a 400 per il test promosso dal ministero della Salute. Quindi l’operazione sarà utile a dimostrare quanto il virus sia circolato nel paese trevigiano. Sempre ieri mattina, alla Casa di Cura è stato attivato anche un particolare sistema di rilevamento elettronico Face Temp che, ponendo il volto davanti ad un display, individua se l’utente indossa correttamente la mascherina e misura la temperatura corporea facendo aprire in automatico la porta di accesso. In ognuno dei cinque ingressi alla struttura posizionati anche dei tappetini igienizzanti per le suole delle scarpe. Gli esiti complessivi del test sierologico “Coraggio 19” tra circa 11 giorni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.