NON VERSA I CONTRIBUTI AI DIPENDENTI PER 740MILA EURO

Maxi sequestro della GdF a un imprenditore vittoriese
VITTORIO VENETO – Risultava nullatenente, ma poteva contare su denaro, quote di società, immobili. E la sua azienda non versava all’Erario le ritenute applicate nelle buste paga dei dipendenti. La Guardia di Finanzia di Vittorio Veneto hanno posto sotto sequestro sette fabbricati, tre terreni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 740.000, a conclusione di un’articolata indagine patrimoniale a contrasto dell’evasione e delle frodi fiscali.
Le Fiamme gialle hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Treviso per i reati tributari  l’amministratore unico nonché legale rappresentante della società vittoriese, che operava nel settore metalmeccanico. Il giudice delle indagini preliminari ha concesso il sequestro preventivo, per un importo equivalente alla somma evasa, di beni mobili registrati, immobili, denaro, titoli e quote societarie nella disponibilità dell’indagato. Le accurate indagini patrimoniali svolte dai Finanzieri hanno dimostrato, infatti, che il soggetto aveva trasferito solo formalmente le proprietà immobiliari ad un prestanome, e che i canoni delle locazioni venivano sistematicamente accreditati sui conti correnti di un’agenzia d’affari compiacente che, a sua volta, glieli girava.
L’operazione – spiegano dal Comando Provinciale – dà conto di quale sia, anche in questo periodo di emergenza, l’impegno della Guardia di Finanza di Treviso nella lotta alle più gravi frodi fiscali e nel concreto recupero delle somme illecitamente sottratte all’Erario, attraverso misure di aggressione delle ricchezze illecitamente accumulate dagli evasori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.