ELEZIONI, IPOTESI ELECTION DAY 13-14 SETTEMBRE

Esplodono dubbi e polemiche sulle campagne elettorali agostane

TREVISO – La nuova finestra di tempo ipotizzata dal Governo per le elezioni sia Regionali che comunali, e anche per il referendum sul taglio dei parlamentari va dal 6 settembre all’11 ottobre. Date possibili individuate domenica 13 e lunedì 14 settembre, indicate come preferibili dal Consiglio dei ministri, perché farebbe ancora caldo e i rischi di una risalita del contagio sarebbero minori, diluendo gli elettori anche nel lunedì mattina.
La proposta non ha fatto a tempo ad essere formulata che la polemica è subito esplosa. I dubbi di alcuni presidenti di Regione, dell’opposizione e di un pezzo di maggioranza, su una campagna elettorale agostana per regionali, comunali e referendum costituzionale, aprono un nuovo confronto.
È il sottosegretario Achille Variati a svelare l’orientamento del governo, nella discussione in commissione alla Camera sul decreto in materia elettorale, che è in fase di conversione ed è atteso in Aula la prossima settimana.
Zaia ha già espresso la sua volontà di fissare le regionali al 12 luglio e che il protrarsi della discussione in Parlamento azzererebbe i tempi tecnici.
Inoltre una campagna elettorale in piena estate, ad agosto, si è sempre evitata per non infierire sul turismo, oggi più che mai colpito dalla crisi.
Il Governatore del Veneto nel frattempo ha già fatto ricorso per ottenere i fondi che il Governo ha stanziato per le zone rosse, ricordando che il Veneto ha avuto 1.847 mila morti di Covid e 19 mila malati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.