VERONA, DETENUTO SCARCERATO PERCHÉ POSITIVO AL VIRUS

Trovato in stazione tra la gente e trasferito in una struttura protetta
VERONA – “Allo stato attuale è impossibile rispettare, nel contesto del circuito penitenziario, misure di profilassi idonee a scongiurare il pericolo di contagio per i detenuti e per le persone che lavoravo in carcere”. Queste le parole della direttrice del carcere di Verona, Maria Grazia Bregoli, in una nota fatta recapitare alla Corte d’appello di venezia il 9 aprile. La decisione di scarcerare un detenuto risultato positivo al tampone, è una sorta di resa delle istituzioni alla potenza del coronavirus. L’uomo, un indiano di 40 anni, è stato liberato perché evitasse di contagiare altri detenuti, ma non avendo un posto dove andare, ha vagato in stazione, incontrato suoi connazionali, e il suo avvocato, fino a quando i carabinieri poi lo hanno trovato e trasferito in una struttura protetta. Si tratta di un paziente asintomatico che dovrebbe stare in casa, per proteggere gli altri. Oltretutto stava scontando una pena di 4 anni per maltrattamenti in famiglia, quindi non può avvicinarsi a Bussa, paese dove vivono i familiari, ma deve restare obbligatoriamente a Verona. Non è la prima volta che un detenuto deve lasciare il carcere perché positivo al Covid 19, ma in precedenza si sono tenute misure di sicurezza e il trasferimento con ambulanza. In questo caso invece l’indiano era a piede libero in stazione e ha incontrato il suo avvocato senza informarlo sulla sua situazione sanitaria. La gestione dei contagi nelle carceri è critica, e oltre ai detenuti ci sono decine di agenti di polizia penitenziaria contagiati. A Verona sono 20 le guardie risultate positive al virus, e 30 i detenuti.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.