RESIDENTI IN PROTESTA FERMANO LE ANTENNE ILIAD

Gli abitanti del quartiere di Selvana hanno chiesto spiegazioni bloccando il cantiere

TREVISO – Ieri mattina sono cominciati i lavori di installazione di un’antenna Iliad in Viale Brigata Marche a Treviso, a un centinaio di metri dall’edicola di Selvana. I cittadini avevano letto la notizia dal giornale e quando hanno visto gli operai all’opera, su un cantiere aperto da mesi, hanno preteso delle spiegazioni. Nel pannello del cantiere alla voce lavori di: è stato scritto “realizzazione stazione radio base”, committente e proprietà di Iliad Italia. La preoccupazione e la critica mossa dagli abitanti del quartiere è che i lavori sono cominciati senza dare la notizia ai residenti, senza fornire informazioni a riguardo, e la paura è che venga installata un’antenna 5 G di dubbia pericolosità per la salute. L’installazione prevede anche la rimozione di uno degli alberi del viale, inoltre potrebbe creare problemi di visibilità nell’uscita dallo stop, con conseguenti incidenti stradali. Ma il punto rimane la pericolosità di queste antenne per la salute, in un quartiere pieno di bambini. Pericolosità di cui ancora si sa ben poco. Sentiamo la voce dei residenti, chiaramente contrari a queste nuove antenne. Una protesta pacifica che definiremmo più che altro un dialogo: non più di una ventina di persone contemporaneamente, e tutte a distanza di sicurezza e con i dovuti dispositivi di sicurezza, hanno così fermato i lavori. Subito sono arrivate le forze dell’ordine che hanno chiesto i documenti ai cittadini presenti sul posto, invitandoli a rientrare in casa per evitare assembramenti, e facendo restare tre persone come referenti del quartiere. Pare che per il momento i lavori restino fermi, ma seguirà sicuramente una riunione in Comune per capire come procedere, e se installare o meno l’antenna telefonica.  
Galleria fotografica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.