TOLLERANZA ZERO ALLE SPECULAZIONI SUL LATTE

"Alto tradimento nei confronti delle famiglie e delle imprese agricole"
TREVISO – “Nessuno spazio per le speculazioni sui generi alimentari e nessuna tolleranza per chi le fa”. E’ il monito di Coldiretti Veneto che nella casella di posta attivata ad hoc [email protected] ha rintracciato le prime segnalazioni documentate in particolare sul settore lattiero caseario. Lettere alle aziende con mittenti e generalità chiare e riconoscibili sono state inviate alla mail dedicata – commenta Coldiretti Veneto – comunicazioni sulla base delle quali agire a livello giudiziario se non verranno fornite adeguate motivazioni. Triste arrivare fino a questo punto – insiste l’associazione – ma l’emergenza sanitaria non può certo giustificare comportamenti al limite della legalità, con insostenibili richieste di riduzione del prezzo pagato agli allevatori proprio mentre i supermercati vengono presi d’assalto e nelle stalle si continua a mungere per garantire le produzioni e i rifornimenti nelle dispense dei cittadini”.La posizione di Coldiretti Veneto è ferma: “ Chiunque violi il principio base della solidarietà nazionale nei momenti di crisi e tenta di riempirsi le tasche approfittando delle difficoltà del Paese, è alto tradimento nei confronti delle famiglie e delle imprese agricole”. “A pochi giorni dalla convocazione del Tavolo Bianco, proprio mentre le prime ipotesi di lavoro concordate tra gli operatori della filiera stanno per concretizzarsi – continua Coldiretti – gli episodi come questi impongono una riflessione generale. Lo sforzo economico del Governo e della Regione deve essere concentrato su regole trasparenti”.  Da il saldo del pregresso Psr 2019 e l’anticipo Pac per dare liquidità alle aziende,  al confronto diretto con la GDO per privilegiare la produzione veneta e italiana sugli scaffali dei supermercati fino al coinvolgimento degli enti no profit a livello regionale,  sono alcuni dei punti strategici  da mettere in campo per uscire da una situazione straordinaria.  “Per dare risposte ulteriori va considerata l’introduzione di nuovi modelli risolutivi – ribadisce Coldiretti – ad esempio la produzione che era destinata al canale Horeca  deve essere collocata negli impianti predisposti  alla trasformazione in UHT  e formaggi a media e lunga conservazione. Con l’aiuto pubblico si incentiverebbe l’impegno già capillare delle associazioni senza scopo di lucro che si prendono cura degli indigenti”  Dal ragionamento non possono essere esclusi i Consorzi di Tutela – spiega Coldiretti  – permettendo loro, per quanto possibile,  lo splafonamento dei limiti produttivi, senza ovviamente appesantire il mercatoL’appello è mettere da parte comportamenti ed interessi particolari – conclude Coldiretti Veneto – per costruire insieme soluzioni che conducano a garantire un futuro alle imprese agricole e la possibilità ai cittadini di approvvigionarsi sempre e comunque di cibo sano e giusto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.