NON LICENZIATE I LAVORATORI, GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI CI SONO

I sostegni per le categorie più a rischio a causa del Coronavirus
TREVISO – “Non licenziate i lavoratori, in queste ore stiamo firmando a livello locale e nazionale numerosi accordi per il sostegno al reddito delle categorie di lavoratori messe più a rischio dall’emergenza coronavirus: somministrati, dipendenti di piccole imprese, aziende di servizi, pubblici esercizi, trasporti, lavoratori e lavoratrici del turismo, del commercio, della ristorazione e delle imprese artigiane”. È l’appello che Cinzia Bonan, segretario generale della Cisl Belluno Treviso, rivolge ai datori di lavoro.“In questi giorni – spiega Bonan – abbiamo ravvisato che alcune microimprese hanno già iniziato a licenziare o a chiedere ai dipendenti di dare le dimissioni, scegliendo in autonomia soluzioni drastiche per fronteggiare il calo del lavoro. A tutti questi piccoli imprenditori chiediamo di avere pazienza per qualche ora, perché proprio ieri, martedì, è stato sottoscritto l’accordo in Regione che dà il via libera alla cassa integrazione in deroga per le imprese con meno di 6 dipendenti. Siamo inoltre in attesa del decreto del Governo che concederà la cassa in deroga anche per i dipendenti delle aziende più grandi che però hanno esaurito o stanno esaurendo la Cig ordinaria e straordinaria, così come importanti misure a favore dei lavoratori stagionali del turismo e che siano previsti congedi specifici per poter assistere i figli a casa da scuola e i parenti bisognosi”.Tutele sono arrivate anche per i lavoratori delle imprese artigiane, con l’accordo per il sostegno al reddito tramite l’accesso al Fondo di solidarietà bilaterale. Innovativo anche l’accordo che è stato firmato e che estende il Trattamento d’integrazione salariale (Tis) ai lavoratori somministrati per far fronte alla crisi causata dall’emergenza Covid-19. L’intesa garantisce un sostegno al reddito laddove anche le aziende utilizzatrici non dovessero attivare nessun ammortizzatore sociale. Ma non solo: per i lavoratori autonomi c’è l’indennità da 500 euro al mese nelle ‘vecchie’ zone rosse. Si tratta di strumenti specifici che Cgil, Cisl e Uil stanno contrattando con le istituzioni e le associazioni datoriali per mettere in campo risorse economiche per permettere ai lavoratori e alle imprese di limitare i disagi che ci troviamo di fronte. Ai datori di lavoro si chiede di utilizzare da subito questi ammortizzatori sociali, nell’attesa di ulteriori risorse finanziate da parte del governo nazionale e dell’Europa, ma altresì si sollecita di inviare le richieste responsabilmente, solo nel caso di effettivo bisogno, per permettere di dare risposte coerenti con l’effettiva urgenza dell’intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.