STOP ALL’ANTICA FIERA DI GODEGA, DANNO DA 100MILA EURO

La storica rassegna cancellata per il coronavirus
GODEGA SANT’URBANO – Oltre 100 mila euro: a tanto ammonta il mancato introito per il  Comune di Godega di Sant’Urbano a causa dell’annullamento dell’Antica Fiera, in programma in paese da domani (sabato 29 febbraio) a lunedì (2 marzo). La storica manifestazione è stata abolita per l’emergenza coronavirus, in ottemperanza all’ordinanza di Ministero della Salute e Regione Veneto.
La cifra è ancora provvisoria e probabilmente stimata al ribasso, ma rende l’idea del “rosso” con cui il l’amministrazione godigense si trova ora a fare i conti. Una cifra enorme per un ente locale di poco meno di 6 mila abitanti. “Stiamo ancora facendo gli opportuni approfondimenti con i vari uffici per quantificare con precisione il danno – spiega il sindaco Paola Guzzo -. Quello che sta emergendo è l’insostenibilità per le casse comunali di questa perdita. Auspichiamo che Stato e Regione istituiscano un fondo con misure economiche di urgenza per aiutare situazioni come la nostra che hanno subito un danno ingestibile a causa dell’emergenza coronavirus, una vera e propria “calamità naturale””.
In tanti anni, se non secoli, è la prima volta che l’Antica Fiera viene annullata, oltretutto così sotto data, mandando nel caos uffici, organizzatori, espositori e visitatori, che ancor oggi stanno tempestando di telefonate il Comune per sapere se la manifestazione si terrà o meno. “Sarebbe stata la Fiera più bella degli ultimi anni – afferma l’assessore Paolo Attemandi -, la macchina organizzativa era ben oliata e affiatata, l’offerta espositiva di grande qualità e c’erano molte aspettative per questa edizione. Doverla annullare per ragioni sanitarie è stato un grande dispiacere, anche se abbiamo condiviso l’opportunità perché la salute dei cittadini va messa al primo posto. Spostare più avanti l’evento non era possibile. Ringrazio a nome dell’Amministrazione gli espositori, gli uffici comunali, i collaboratori e i volontari, con una promessa: ci rifaremo il prossimo anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.