DUPLICE SUICIDIO A ROVIGO

Rientra dal lavoro e trova la moglie morta, poi si spara
ROVIGO – E’ rientrato dal lavoro all’ora di pranzo, attorno alle 12.30 e ha trovato la moglie morta a casa, in camera da letto. Subito dopo ha telefonato al fratello per dirgli che l’avrebbe fatta finita anche lui, e così si è sparato con una pistola Beretta, regolarmente detenuta, la stessa arma utilizzata dalla moglie per togliersi la vita. Il fratello ha lanciato immediatamente l’allarme, ma l’uomo, nonostante i soccorsi tempestivi, è deceduto in ospedale. Il doppio suicidio è avvenuto oggi, giovedì 27 febbraio a Rovigo.
I due coniugi si chiamavano Eleonora Pozzato, classe 1959, e Luigino Ruzzante, classe 1955. L’indagine è affidata al magistrato Sabrina Duò. Sul posto la Polizia di Rovigo, Squadra Mobile e Scientifica, e il personale del Suem 118. Gli investigatori, per togliersi ogni dubbio sulla dinamica della duplice tragedia, effettueranno l’esame dello stub sulla donna, per rilevare tracce di polevere da sparo. La coppia lascia una figlia, Laura, che abita nel Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.