BOCCIATO IL RINVIO DELLO SCONTRINO ELETTRONICO PER I PICCOLI NEGOZI

Baratto: “Dal Governo schiaffo ai territori che producono”
ROMA – “Dal Governo schiaffo ai territori che producono”. Così ha commentato a caldo il deputato trevigiano di Forza Italia Raffaele Baratto, autore di un ordine del giorno volto ad ottenere la proroga dell’entrata in vigore dell’obbligo di scontrino elettronico per i commercianti con fatturato inferiore ai 400 mila euro, dopo la bocciatura della sua proposta. Il no è arrivato in un clima incandescente, con un parapiglia in Aula che ha coinvolto membri della maggioranza e dell’opposizione e durissime parole rivolte ai banchi del Governo da parte di Baratto.
“Sarebbe stata un’azione di buon senso – afferma il parlamentare trevigiano – da parte di un Governo che si dimostra per l’ennesima volta insensibile alle esigenze dei terriotori e di chi produce ricchezza”.
Si tratta, commenta ancora Baratto “di un altro balzello messo sulle spalle dei soliti noti: imprenditori e commercianti. Questo Governo ed il precedente non hanno fatto altro che penalizzare gravemente il mondo degli esercenti”. “Sempre più sul territorio il mondo del commercio entra vive una crisi congiunturale – conclude il deputato – e il Governo che fa? lo grava dell’ennesimo obbligo inutile. La mia proroga avrebbe permesso di rivedere la materia complessivamente aiutando una categoria sempre più vessata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.