FU UN GUASTO AL FRENO A PROVOCARE LA MORTE DELLA MOGLIE

Ex primario assolto dall’accusa di omicidio colposo
TREVISO – La Procura di Treviso ha archiviato l’inchiesta il cui era indagato per omicidio colposo il dottor Paolo Manente, ex primario di oncologia dell’ospedale castellano, in relazione alla morte della moglie, coinvolta in un incidente in auto ne settembre del 2018. La donna, Adriana Bertolo, 72 anni, era rimasta dentro l’auto del marito, in sosta in una discesa tra le colline di Guia, mentre il marito era sceso per dare un’occhiata ad una casa in vendita.
L’auto però, a causa della pendenza, aveva cominciato a scendere lungo la carreggiata via via sempre più veloce, per quasi due km, per poi finire addosso ad ad muro. La donna dentro l’auto aveva cercato di mantenere la vettura in strada e aveva provato a fermarsi tirando il freno a mano, ma senza risultato.
Il marito, che non si trovava nell’auto, era stato indagato per omicidio. A distanza di quasi due anni, l’uomo è stato assolto grazie ad una perizia sul freno a mano della Range Rover. Il guasto elettronico avrebbe reso inutile il freno, provocando la morte della signora. Il caso è quindi archiviato e le perizie hanno escluso qualsiasi responsabilità dell’ex primario.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.