TRAFFICO ILLECITO DI DOPING, INTERRESATA ANCHE LA MARCA

L’indagine era iniziata nelle Marche nel 2018
TREVISO – Anche a  Treviso ci sono indagati della vasta operazione condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno e del N.A.S. di Ancona, coordinati dalla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno, che ha consentito di sgominare una rete composta da decine di italiani, ritenuti, a vario titolo, responsabili di ricettazione, utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti, nonché importazione illegale e vendita di medicinali al pubblico a distanza.

L’indagine, iniziata nel 2018 nelle Marche, si è presto allargata a tutta Italia, compresa la Marca, consentendo di individuare decine di persone, atleti di varie discipline sportive e frequentatori di palestre, che acquistavano o  commercializzavano farmaci ad effetto dopante importati da paesi dell’est Europa come la Bulgaria e la Polonia.

L’indagine oltre a Treviso ha interessato altre 29 province.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.