PREVIMENDICAL, CENTO LAVORATORI IN SIT-IN DAVANTI AL MUNICIPIO

Continua il braccio di ferro azienda- sindacato
PREGANZIOL – Resta alta la tensione tra i lavoratori di Previmedical Spa e di Cassa Rbm Salute, società del gruppo di Preganziol, tra i maggiori in Italia nel campo delle assicurazioni sanitarie e integrative. I sindacati di categoria della Cgil hanno indetto un’intera giornata di sciopero: un centinaio tra delegati e dipendenti hanno dato vita ad un presidio davanti all’ingresso del quartier generale del gruppo e ad un sit-in di fronte al municipio di Preganziol. L’organizzazione sindacale sollecita un chiarimento sul futuro stesso dell’attività, alla luce dell’anunciato acquisto da parte di Intesa Sanpaolo del 51% di RBM Salute, leader in Italia nelle assicurazioni e società di RB Hold Spa della quale Premivedical fa parte con Previnet.Inoltre ribadisce una serie di istanze a favore dei dipendenti del polo assicurativo trevigiano: l’adeguamento degli inquadramenti e delle mansioni svolte, nella direzione di ridurre il dumping tra i due differenti contratti applicati in termini sia retributivi sia normativi, il nodo del contratto integrativo aziendale, che garantisca la regolamentazione delle ferie e dei permessi, la flessibilità in entrata e in uscita, la possibilità di godere del congedo parentale, l’erogazione di un premio di risultato, obiettivamente calcolabile con nuovi parametri, ed esigibile in termini monetari o in prestazioni di welfare. Inoltre, maggiori risorse sul versante della previdenza complementare. Tutti temi, attacca Nadia Carniato, che sta seguendo la vertenza per conto della Cgil trevigiana, l’azienda “non ha mai fornito risposte, nè accettato un vero confronto”. Il gruppo Rbm – Previmedical conta circa 370 addetti a Preganziol e oltre 700 in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.