IDENTIFICATO L’UOMO CHE HA INVESTITO L’ANZIANA

Il responsabile è stato individuato grazie alle telecamere di videosorveglianza

TREVISO – È stato identificato il responsabile dell’incidente che, mercoledì 8 gennaio, ha visto coinvolta un’anziana signora 80enne nei pressi dell’attraversamento pedonale di Varco Manzoni. Gli addetti della centrale operativa della Polizia Locale di Treviso hanno analizzato minuziosamente tutte le immagini della videosorveglianza, registrate mercoledì pomeriggio verso le 15 dalle telecamere non solo della zona dove è avvenuto il sinistro ma anche delle strade limitrofe. Dopo ore di indagini approfondite su tutti i veicoli transitati poco prima e dopo l’incidente, gli agenti sono riusciti ad individuare il veicolo coinvolto. I dubbi sono stati fugati quando gli operatori del Comando hanno controllato dal vivo la macchina incriminata che aveva ancora i segni dell’investimento. «Il responsabile è un residente di Silea di 69 anni, a bordo di un’auto a noleggio con caratteristiche leggermente diverse di quelle che erano state descritte inizialmente dall’anziana investita», spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Il conducente non ha confermato le proprie responsabilità ma gli indizi e le prove raccolte non lasciano dubbi».
Per il 69enne scatterà la denuncia alla Procura della Repubblica e la segnalazione alla Prefettura: l’automobilista rischia fino a 3 anni di carcere e la sospensione della patente da uno a tre anni. «Ricordiamo che la legge punisce severamente chi non si ferma a prestare soccorso in caso di incidente stradale», afferma Gallo. «È un dovere non solo morale ma previsto dal Codice della Strada che, in casi più gravi, comporta anche l’arresto della persona che si dà alla fuga». Ancora una volta determinanti sono state le telecamere di videosorveglianza e l’acume investigativo degli agenti che nel giro di 48 ore hanno individuato il pirata della strada. «Ringrazio il Comandante Gallo e tutti gli operatori del Comando della Polizia Locale per il lavoro svolto», le parole del sindaco Mario Conte. «Nel caso specifico, le indagini sono state fondamentali così come la presenza delle telecamere di videosorveglianza, che rappresentano una risorsa importante per la prevenzione, la sicurezza e anche per l’accertamento delle responsabilità, permettendo di dare un nome e un cognome all’autore dell’investimento della signora».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.