LA NUOVA CAMPAGNA “GUIDA SICURA”

Un messaggio di forte impatto visivo per sensibilizzare i più giovani

SPRESIANO – Due auto distrutte, simbolo dei morti sulla strada, due rottami che vogliono ricordare i tantissimi incidenti che avvengono a causa di una distrazione. Luso del cellulare, l’alta velocità e la mancanza della cintura di sicurezza, oltre all’abuso di alcol e sostanze stupefacenti, sono le cause dei numerosi morti sulle strade del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha dato il via alla campagna di sensibilizzazione sulla guida sicura davanti ad uno dei locali più noti della zona: la discoteca Odissea di Spresiano. “Sono circa 14 mila gli incidenti automobilistici ogni anno in Veneto. 19 mila i feriti e 311 i morti nel 2018. La maggior incidenza di morti avviene il venerdì, e nella maggior parte dei casi con il tempo sereno. Nel 2019 purtroppo sono già state superate le vittime dell’anno precedente, e contro questa recrudescenza si darà il via a campagne pubblicitarie choc come avviene in altri paesi come la Francia e l’Inghilterra. Inoltre si avvieranno iniziative in tema di sicurezza stradale con i centri di ascolto” – ha affermato Luca Zaia. La campagna choc con le auto accartocciate davanti all’entrata e all’uscita delle discoteche servirà a far capire ai ragazzi che si può morire per strada, o che si può perdere l’uso delle gambe o delle braccia se non si guida con prudenza. Un’idea che verrà replicata fuori dai locali e sarà portata anche fuori regione. E il governatore Zaia ha sollecitato chiunque voglia produrre spot o video choc da far circolare sui social per sensibilizzare la popolazione su questa tematica importante. Nel piazzale dell’Odissea erano presenti gli assessori della giunta, i consiglieri, i sindaci, e le autorità. E poi tanti giovani che hanno voluto prendere parte alla campagna “Okkio alla vita, guida con prudenza” per dire ad altri giovani di non usare il telefono mentre si guida e di mettersi alla guida solo se sobri e vigili.
Galleria fotografica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.