APPLAUSI PER I SOLISTI E TAGLIAMENTO

Prossimo appuntamento il 22 gennaio con l’omaggio a Beethoven e la direzione di Massimo Raccanelli

TREVISO. Cinque minuti ininterrotti di applausi,  Il debutto della stagione concertistica del Teatro Mario del Monaco ha scaldato gli animi dei trevigiani. La prima al Comunale è stato un successo di pubblico e di critica. E’ stata la prima volta sul palco di uno dei 25 teatri di tradizione in Italia di un’orchestra sinfonica di una radio privata: I solisti di Radio Veneto Uno diretti dal maesto Vram Tchieftchian. La serata è iniziata con il “Valzer dei fiori” dalla suite Op. 71 de “Lo Schiaccianoci”, opera universalmente nota nella quale l’atmosfera soffusa è unita con maestria al clima squillante di una grande orchestra.

Poi il Concerto in re maggiore per violino e orchestra Op. 35, uno dei più noti concerti dell’epoca romantica, banco di prova per il talentuoso violinista trevigiano Paolo Tagliamento. Il 22enne di Conegliano non ha tradito le aspettative e ha raccolto tutti gli applausi degli oltre 600 presenti. Prima della chiusura un bis fuori programma con un brano di Fritz Kreisler e poi il gran finale con uno dei brani più interessanti di Čajkovskij, il Capriccio Italiano Op. 45, per il quale il compositore si ispirò a musiche popolari italiane durante la sua permanenza a Roma verso la fine dell’Ottocento. Un’opera molto amata che si apre con smaglianti squilli di trombe, prosegue con graziosi ritornelli, per poi concludersi in una coinvolgente tarantella.

Archiviato il debutto toccherà ancora ai Solisti di Radio Veneto uno aprie il 2020 con l’omaggio a Beethoven nel 250esimo anniversario dalla nascita. L’appuntamento è per mercoledi 22 gennaio. In programma il concerto n 3 per pinoforte e orchestra con Anna Barutti solista e la sinfonia numero 5. Direzione affidata al trevigiano Massimo Raccanelli. 


Galleria fotografica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.