IL GRUPPO CARRARO APRE A MESTRE E ASSUME 25 NUOVI ADDETTI

Zaia inaugura la nuova sede del concessionario trevigiano
MESTRE – Un investimento di otto milioni di euro. I venti di crisi sul settore auto, non frenano la Carraro. Il gruppo trevigiano, tra i principali concessionari Mercedes del Nordest, rilancia inaugurando una nuova sede a Mestre. Uno showroom innovativo fino dall’architettura, con grandi vetrate, dall’automazione e dal basso impatto ambientale, ma soprattutto nella concezione del servizio: tecnologie digitali e monitor grazie a cui il cliente potrà vedere “assemblata” in tempo reale la vettura in base ai suoi desideri.
Tanto da essere annoverato tra i più avveniristici della casa di Stoccarda dal presidente di Mercedes Benz Italia, Radek Jelinek, venuto di persona al taglio del nastro. E non ha voluto mancare neppure il presidente della Regione, Luca Zaia, nonostante l’emergenza acqua alta a Venezia. Dopo il minuto di silezio per esprimere vicinanza alla comunità veneziana, il governatore ha ricordato che “la famiglia Carraro è il migliore esempio di quello spirito imprenditoriale veneto che non si dà mai per sconfitto anche di fronte alle prove più difficili”. Presente anche l’assessore del Comune di Venezia, Simone Venturini.
La famiglia Carraro commercializza il marchio Mercedes dal 1976, nel 2018 ha venduto circa seimila veicoli, per un fatturato di 170 milioni di euro. Le previsioni per l’esercizio 2019 indicano un ulteriore incremento del 10%. Il presidente Francesco è affiancato al timone del gruppo dai figli Ruggero, amministratore delegato divisione auto, e Giovanni, amministratore delegato divisione veicoli commerciali e industriali. Superate alcune difficoltà burocratiche, la nuova concessionaria di via Martiri della Libertà, 3.500 metri coperti in un’area complessiva di 17mila, è stata realizzata in poco più di un anno, grazie all’opera di 89 imprese del territorio. La struttura è dotata di una vasca di accumulo di 1.500 metri cubi per l’invarianza idraulica, di un impianto fotovoltaico da 70 kW ora e ha un tetto giardino da mille metri quadrati. Vi lavoreranno 35 dipendenti, di cui 25 neoassunti, che si aggiungono così ai 287 già attivi nelle 10 filiali del gruppo tra Treviso, Venezia, Belluno e Udine. Non solo auto: offrirà anche altri prodotti marchiati con la stella a tre punte: borse, orologi, profuni, persino tazzine da caffè.
All’interno, sono state installate cinque colonnine per la ricarica di auto elettriche, più una all’esterno, pubblica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.