LAVORI AL TENNI, OGGI LA CONSEGNA

Conte: "Questi ragazzi sono stati protagonisti di un’esperienza incredibile"
TREVISO. Sono stati consegnati questa mattina i lavori di manutenzione straordinaria del muro di cinta dello stadio “Omobono Tenni” eseguiti dagli studenti della Scuola Edile di Treviso.

I ragazzi del secondo e terzo anno, nell’ambito del progetto Impresa Civica Edile, hanno infatti contribuito alla manutenzione di un’opera di interesse pubblico, in virtù della convenzione stipulata lo scorso 2 ottobre con l’Amministrazione comunale di Treviso per creare un contesto adeguato e stimolante per le esercitazioni pratiche. L’intervento è consistito nella rimozione e nel rifacimento degli intonaci esterni di parte del muro di cinta.

All’interno della sala stampa dello Stadio, invece, è stato riprodotto con una tecnica particolare in calce, il logo della squadra di calcio della Città.

La consegna finale ha visto la presenza del sindaco di Treviso Mario Conte, del presidente e del vicepresidente della Scuola Edile Davide Feltrin e Gianluca Quatrale, del presidente di Treviso Academy Luigi Sandri, del presidente del Consorzio Treviso Siamo Noi Marco Pinzi e di GianMaria Corazza dell’ Area Tecnica “Fornaci Calce Grigolin spa”, azienda che ha fornito consulenza tecnica e parte dei materiali.

«Questi ragazzi sono stati protagonisti di un’esperienza incredibile», le parole del sindaco Mario Conte. «Imparare un mestiere e allo stesso valorizzare il patrimonio pubblico è un bellissimo esempio di formazione e cittadinanza attiva. Gli studenti della Scuola Edile potranno inserire così nel proprio bagaglio di esperienze non solo un’opera apprezzata dalla collettività ma anche utile e durevole nel tempo».

«Si tratta di un’esperienza, seguita da istruttori esperti, in cui i futuri edili mettono in pratica quanto imparato sui banchi di scuola attraverso l’apprendimento in situazione reale», spiega Davide Feltrin, Presidente della Scuola Edile in rappresentanza degli Imprenditori associati ad Assindustria/ANCE Treviso. «La metodologia formativa è prevista dalle Direttive del Piano annuale di Formazione Iniziale della Regione Veneto che costituisce una modalità alternativa di svolgimento delle esercitazioni pratiche nei laboratori didattici interni alla Scuola Edile, finalizzata a favorire l’apprendimento in situazione reale per superare le distanze tra realtà scolastica e lavorativa».

«Per il nostro Centro di formazione professionale, gestito pariteticamente da Unindustria/Ance Treviso e dai rappresentanti dei Sindacati edili questo è un obiettivo  strategico sia perché rafforza la preparazione  dei giovani che   andranno ad operare nelle imprese edili sia perché porta benefici alle nostre comunità» sottolinea Gian Luca Quatrale, vicepresidente della Scuola Edile in rappresentanza delle Organizzazioni Sindacali Edili. «Negli ultimi anni la richiesta da parte delle Imprese edili di giovani formati nella Scuola Edile è molto forte: di fatto tutti i nostri studenti trovano occupazione».

 


Galleria fotografica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.