GIOVANI DANNO FUOCO A UN CLOCHARD

Individuati i bulli che ad Halloween avevano bruciato i capelli di un senzatetto

CHIOGGIA – Sono stati individuati dai Carabinieri due adolescenti e un maggiorenne che ad Halloween hanno dato fuoco ai capelli di un clochard postando poi il video del riprovevole atto sul web. Il senzatetto, un 47enne di Chioggia, era spesso oggetto di soprusi da parte di adolescenti che si divertono a dar fastidio ai più indifesi. Questa volta però hanno esagerato: la notte di Ognissanti due minori e un maggiorenne hanno pensato di inveire sulla vittima dando fuoco ai suoi capelli con un accendino e filmare l’atto con il cellulare, per poi postare il video sui social. Dimensione in cui più grave è l’atto, più il video diventa virale. Nel filmato si vede l’uomo che se ne resta immobile, senza reagire, forse impaurito che la situazione, già abbastanza grave, possa farsi ancora più seria. Il video della durata di 11 secondi diventa virale e i commenti sul povero uomo vittima di questi ragazzini sono assurdi e irrispettosi, sintomo di una cattiveria imperante e di un’assenza totale di rispetto nei confronti di chi è in difficoltà. Ma fortunatamente lo stesso video dei bulli, è servito ad incastrarli: i ragazzi sono ben riconoscibili in volto, e nell’audio si sente pronunciare anche il nome di uno dei tre.
Ora sarà la Magistratura a decidere come intervenire.
Il clochard è stato visitato e ora sta bene, a parte il fatto che gli mancano alcune ciocche di capelli. E non è la prima volta che il 47enne diventa bersaglio di ragazzi che lo maltrattano in ogni modo, dal gettarlo in acqua, a lanciargli delle uova addosso. Sono giovani annoiati che probabilmente non sanno cosa sia l’educazione e che sono inclini ad azioni deplorevoli da condannare specialmente quando si verificano contro chi non è in grado di difendersi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.