Dtt, Marcato: “Polemiche inutili. Battersi per il Veneto”

Venezia – “Capisco la sindrome da stress dopo la batosta elettorale, ma è inaccettabile che un eminente esponente della maggioranza che ha governato questo Paese e continua ad esercitare l’azione di governo esprima giudizi con cui dimostra di non sapere le cose o, più verosimilmente, di fingere di non saperle”.

E’ la replica con cui l’assessore regionale allo sviluppo economico e all’energia Roberto Marcato risponde alle critiche del senatore Andrea Ferrazzi e di altri esponenti del Pd, dopo che il consiglio di amministrazione dell’Enea ha deciso che il Divertor Test Tokamak (Dtt) sarà realizzato a Frascati, mentre il Veneto aveva candidato Porto Marghera.

“Dovrebbero infatti sapere – aggiunge l’assessore – che il 90% delle aree che abbiamo proposto non aveva nessun tipo di problema e per il 10% restante gli interventi erano minimali e non pregiudicavano affatto la realizzazione del Dtt. Si tratta quindi di un’argomentazione assolutamente inconsistente”.

“Altrettanto grave è non sapere o far finta di non sapere – sottolinea Marcato – che la mancanza di risorse per completare i marginamenti a Porto Marghera è interamente addebitabile allo Stato e alla maggioranza che finora ha governato. E’ una competenza dello Stato metterci quei soldi”.

“Ma quello che è ancora più inaccettabile – conclude Marcato – è che, a fronte di una sconfitta così grave per i Veneti, per l’economia, per l’università, anziché impegnarsi a capire che cosa sia successo, qualcuno ne tragga occasione solo per fare polemica politica a prescindere dai fatti, perché Porto Marghera aveva tutte le caratteristiche richieste dal bando per insediare un impianto di questa natura e importanza. Del resto questa è la spiegazione del loro risultato elettorale”.

vicenzareport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.