Controlli straordinari a Schio. C’è anche la polizia di stato

Schio – Cinque equipaggi della polizia di stato e tre della polizia locale Alto Vicentino, con il supporto dell’unità cinofila antidroga di Padova, hanno compiuto, nel pomeriggio di venerdì 10 maggio, alcuni controlli straordinari del territorio nel Comune di Schio.

Nel complesso, l’attività svolta dagli uomini, organizzati in squadre miste, è consistita in controlli della circolazione stradale, delle sale slot e di perlustrazioni in diverse aree della città, come ad esempio la stazione delle corriere e dei treni, lo skate park, i parchi della Valletta e del Castello.

Allo skate park il cane antidroga della polizia di stato ha rinvenuto a terra 4 frammenti di hashish, del peso complessivo di circa 6 grammi, che erano stati gettati via da un gruppo di giovani alla vista degli agenti; in stazione dei treni, invece, un ragazzo di 21 anni è stato trovato in possesso di uno spinello e, per questo, segnalato alla Prefettura di Vicenza quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Per quanto riguarda le verifiche nelle sale slot, poco prima delle 17 in un esercizio localizzato in zona limitrofa a viale dell’industria erano già presenti dodici clienti intenti a giocare. Gli agenti hanno accertato che alcuni di loro erano all’interno della sala già dalle 12 e che non avevano mai smesso di giocare nonostante il divieto vigente dalle 13 alle 17. Per questo il titolare del locale è stato multato con 250 euro per violazione dell’ordinanza sindacale. Inoltre, sono in corso accertamenti per altre irregolarità amministrative.

A proposito delle verifiche in tema di circolazione stradale , i 1.817 veicoli sono stati controllati con l’ausilio del sistema Mercurio, in dotazione alla polizia di stato, che permette una immediata interrogazione dei mezzi e persone in transito alla banca dati delle forze di polizia.

vicenzareport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.