Prosegue il Marzo Musicale Leoniceno

Lonigo – Prosegue “Marzo Musicale Leoniceno”domani, domenica 17 marzo, la terza edizione della rassegna “Marzo Musicale Leoniceno”, iniziativa promossa dal Teatro Comunale di Lonigo. L’appuntamento, a ingresso libero, è alle 17, alla Chiesa Vecchia, che ospita la Libera Cantoria Pisani, diretta dal maestro Filippo Furlan, in un concerto nel quale verranno eseguite musiche di Jacquet Berchem, Leone Leoni, Claudio Monteverdi, Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov e Leonardo Schiavo.

Sarà proposto un florilegio di canti sacri a cappella, nella migliore tradizione dell’insieme vocale leoniceno. Il programma getta un ponte culturale tra la grande polifonia rinascimentale e la produzione corale del Novecento e contemporanea, con uno sguardo particolare agli autori di area veneta di ieri e di oggi, da un monumento come Claudio Monteverdi per arrivare al giovane Leonardo Schiavo.

A chiudere invece la rassegna, venerdì 29 marzo, alle 21, sul palcoscenico del Teatro Comunale di Lonigo, sarà l’Ensemble di musica antica del Conservatorio di Verona, affiancato da tre giovani, ma già affermati, soprani leoniceni: Carlotta Bellotto, Giulia Bolcato e Medea De Anna. Da questo incontro artistico nasce il concerto che mette a confronto due fra i massimi compositori del Settecento: Antonio Vivaldi e Georg Friedrich Händel. La musica strumentale del “Prete rosso”, con i suoi virtuosismi e la sua varietà di suoni e colori, si alterna ad alcune delle celeberrime arie di teatro del “Caro Sàssone”, per un programma articolato all’insegna dell’energia e della fantasia.

In programma per Vivaldi: Concerto in Sol minore per 2 flauti dritti, 2 oboi, fagotto e archi; Concerto in Re maggiore per 4 violini e archi (dall’Estro armonico); Concerto in Sol minore per 2 flauti, 3 oboi, fagotto e archi. Per Händel: Tornami a vagheggiar, Tu del ciel ministro eletto, Da tempeste il legno infranto per soprano e archi; Concerto in Do maggiore per 2 flauti e archi. Per informazioni: www.teatrodilonigo.it.

vicenzareport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.