Smog, un esposto alla procura: “Leggi rispettate?”

Vicenza –  Sta diventando davvero preoccupante la situazione dell’inquinamento atmosferico in Veneto, ed a Vicenza la situazione non è certo migliore rispetto alle altre città della regione. Anzi, Vicenza è una di quelle che più spesso hanno sforato i limiti di Pm 10 presenti nell’aria, ed al di là delle statistiche spesso mosse, in alto o in basso, dalle condizioni atmosferiche, il dato certo è che lo smog è troppo, l’aria è praticamente irrespirabile e le conseguenze per la salute non mancano.

Quel che è peggio è che si fa ben poco per migliorare la situazione. Ci si limita infatti a fermare ogni tanto il traffico, a vietare la circolazione ai mezzi più inquinanti, ma si sa bene che sono misure spot, che il problema è più strutturale e grave e richiede quindi interventi diversi. Tra l’altro, si sa anche che solo una piccola parte dell’inquinamento atmosferico viene dai tubi di scappamento delle auto, mentre il grosso dovrebbe deriva dal riscaldamento domestico, dalla produzione industriale e da quella agricola.

In altre parole, respiriamo aria avvelenata ma sembra che si faccia poco per migliorare al situazione. Non meraviglia dunque che in un tale contesto, qualcuno prenda l’iniziativa, come ha fatto a Vicenza il Comitato ambiente e territorio che presenterà, lunedì 11 marzo, un esposto alla Procura della Repubblica nel quale “si invita – scrive il responsabile del comitato, Daniele Ferrain, presentando l’iniziativa – a verificare, a proposito dell’inquinamento dell’aria, se leggi vigenti in materia di salute pubblica siano state rispettate”.

“E’ noto a tutti – continua Ferrarin -, come persistano da anni, nella nostra città e non solo, situazioni di emergenza per l’aria inquinata. Il Comitato ambiente e territorio presenta quest’esposto animato da una volontà di difesa della salute di tutti i cittadini. La sensibilità accresciuta sui temi ambientali è l’occasione per iniziare nuovi percorsi che vedano coinvolti gli organismi istituzionali preposti”.

vicenzareport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.