Quattro incontri sul digitale nelle costruzioni

Vicenza – Quattro incontri gratuiti, per le imprese del vicentino e per la pubblica amministrazione, sul tema della digitalizzazione della filiera delle costruzioni. Gli incontri, sotto il titolo di “Introduzione al processo Bim per le imprese e le pubbliche amministrazioni”, sono organizzati e promossi dalla sezione edili di Confindustria Vicenza, assieme agli ordini di architetti e geometri, ai collegi di geometri e periti, e con il contributo della Camera di Commercio. Sono in programma per le giornate del 19 e 27 marzo, 3 e 10 aprile, presso la sede confindustriale di Palazzo Bonin Longare, in Corso Palladio 13, a Vicenza.

“Il Bim (Building Information Modelling) – spiega Confindustria in una nota – è un processo di digitalizzazione che consente di organizzare tutte le informazioni relative ad un’opera pubblica o privata attraverso una piattaforma collaborativa in cui tutti gli attori della filiera inseriscono dati grafici, documenti tecnici e specifiche sui materiali relativi all’intero ciclo di vita dell’opera. Scopo delle giornate di approfondimento è quello di fornire un quadro del processo, delle norme, dei vantaggi e dei problemi che la sua adozione comporta”.

“Il Bim – sottolinea Luigi Schiavo, presidente della Sezione edili e impianti di Confindustria Vicenza, – è destinato a trasformare la filiera delle costruzioni, perché coinvolge tutti gli operatori del settore, dai committenti pubblici e privati, ai progettisti ed alle imprese, ai produttori di materiali, che possono lavorare insieme e condividere ogni giorno informazioni inerenti ai flussi di lavoro, sia in fase di progettazione che in fase di realizzazione”.

Nonostante, ad oggi , l’obbligatorietà dell’utilizzo del Bim riguardi le opere pubbliche di dimensione superiore ai cento milioni di euro, dal 2025 riguarderà le opere di qualsiasi importo. “Il Bim – aggiunge Schiavo – può portare vantaggi già oggi comunque, anche nel settore privato, sia per i committenti che per le imprese, perché consente il controllo in tempo reale dei costi, dei tempi, la minimizzazione degli errori e l’ottimizzazione della gestione. Penso ad esempio alla manutenzione degli edifici industriali, che rappresenta un costo importante per gli imprenditori e che, attraverso il Bim, può senz’altro essere programmata ed eseguita con maggiore efficienza”. Il termine per le iscrizioni è fissato per il 13 marzo.

vicenzareport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.