Il presidente italiano rifiuta di destituire il primo ministro Draghi

La crisi di governo italiana è completa ora che il Movimento Cinque Stelle al Senato si è astenuto giovedì durante un voto su un importante pacchetto di misure di sostegno. Il primo ministro Mario Draghi ha offerto le sue dimissioni al presidente italiano Sergio Mattarella. Ha rifiutato di dimettersi e vuole che Draghi cerchi prima di mantenere la sua maggioranza in Parlamento con un voto di fiducia.

Draghi parlerà davanti alla Camera dei Deputati mercoledì. Tutto indica che Draghi non governerà ulteriormente. Egli stesso ha detto al Consiglio dei ministri giovedì sera che il suo governo non ha più la maggioranza in Parlamento. Draghi ha sempre detto che non vuole una nuova maggioranza in Parlamento.

Per molto tempo, non c’è stato burro tra il primo ministro Draghi e il Movimento Cinque stelle, guidato dall’ex premier Giuseppe Conte. Varie questioni giocano un ruolo, come il reddito di base spesso criticato e talvolta abusato per i poveri, un cavallo di battaglia per il Movimento Cinque Stelle che teme che sarà sfidato.

Durante il voto al Senato dove il Movimento Cinque Stelle si è astenuto dal voto, al sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, sarebbero stati dati ulteriori poteri per affrontare il problema dell’immondizia nella sua città. Tra l’altro, con la creazione di impianti di incenerimento dei rifiuti contro i quali il Movimento Cinque Stelle è radicalmente contrario.

Draghi è primo ministro dal 13 febbraio. In precedenza ha guadagnato fama internazionale come governatore della Banca Centrale Europea. Come primo ministro italiano, il suo compito principale era quello di gestire i molti miliardi di euro del Fondo Europeo di Recupero. Non è ancora chiaro se si terranno elezioni anticipate. Questi avrebbero avuto luogo in modo diverso l’anno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.