L’Italia amplia saldamente l’obbligo coronapas: gli antivibranti si alzano

Dopo ristoranti, musei e cinema, l’Italia sta introducendo il green pass per i viaggi a lunga percorrenza in treno, autobus e aereo. Gli insegnanti, il personale universitario e i loro studenti dovranno anche dimostrare dal 1 ° settembre di essere stati vaccinati, recentemente testati o curati.

Le nuove misure non sono buone per tutti gli italiani. Nel frattempo, circa l ‘ 80% della popolazione italiana sopra i 12 anni ha avuto almeno una vaccinazione, ma la minoranza antivax sta facendo un gran rumore per l’entrata in vigore delle nuove regole.

A Roma, un giornalista de La Repubblica è stato addirittura picchiato e minacciato durante una manifestazione anti-vaccinazione. Il movimento antivax ha annunciato azioni di nuovo mercoledì nelle stazioni ferroviarie delle grandi città, poiché le nuove misure si applicano anche ai treni ad alta velocità e ai treni intercity.

I treni regionali, che i pendolari utilizzano spesso, rimangono liberamente accessibili. Lo stesso vale per il trasporto pubblico locale, come tram e metropolitane, che ora richiederà un pass verde sugli autobus che coprono lunghe distanze tra le regioni, così come sui traghetti e sui voli nazionali.

Anche l’istruzione italiana, che inizia il nuovo anno scolastico a settembre, sta prendendo la linea Verde. Per gli insegnanti e il personale universitario, questo in pratica equivale a un obbligo di vaccinazione, o costi altissimi. Un test costa 15 euro per gli adulti e deve essere ripetuto ogni 48 ore. Gli insegnanti che non soddisfano i requisiti possono essere sospesi dopo cinque giorni, con il loro stipendio interrotto.

L’Italia ha già introdotto una norma simile per il personale sanitario, dove diverse decine di persone non vaccinate sono state trasferite negli ultimi mesi in reparti senza contatto con il paziente, alcune altre sono state sospese.

Gli studenti universitari senza vaccinazione possono continuare a frequentare le loro lezioni da remoto, quindi alle istituzioni educative viene chiesto di continuare a trasmettere tutte le attività. Gli studenti delle scuole superiori non sono tenuti a mostrare il pass, ma tutti gli studenti di età superiore ai 6 anni devono continuare a indossare maschere.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha già annunciato che sta valutando l’ulteriore estensione del passaporto vaccinale ai funzionari del settore pubblico, al fine di porre fine al lavoro a distanza. Speranza vuole anche parlare con i sindacati della possibilità di introdurre il green pass in altri luoghi di lavoro.

Il governo italiano vuole fare ogni sforzo per avere l ‘ 80% della popolazione completamente vaccinata entro la fine di settembre. Speranza preferirebbe evitare un obbligo generale di vaccinazione, ma non esclude del tutto la possibilità di un’ultima risorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.