I paesi della NATO chiedono agli americani: mantenere l’aeroporto di Kabul aperto più a lungo

Un gran numero di paesi della NATO sta esortando gli Stati Uniti a mantenere aperto più a lungo l’aeroporto della capitale afghana Kabul. I Paesi Bassi sono uno dei paesi che intende continuare a utilizzare l’aeroporto dopo il 31 agosto per l’evacuazione dei propri cittadini, dipendenti e persone che sono a rischio in Afghanistan sotto i talebani.

Gli Stati Uniti vogliono finire le evacuazioni dall’aeroporto entro la fine di questo mese. Ma i ministri degli esteri di molti piccoli e alcuni grandi stati membri della NATO hanno fatto appello agli americani venerdì pomeriggio per un po ‘ di tempo, dice un diplomatico della NATO. “Le evacuazioni sono così lente e così laboriose che è necessario più tempo.”

Anche se gli Stati Uniti sono d’accordo, è ancora una questione di ottenere gli evacuati per l’aeroporto. Questa è” la sfida ” ora, dice il capo della NATO Jens Stoltenberg. “Il paradosso è che abbiamo più aerei che passeggeri.”Secondo Stoltenberg, è particolarmente difficile ottenere afghani per l’aeroporto.

Il testo continua sotto il tweet.

Una migliore cooperazione tra i paesi della NATO può aiutare in questo. Alcuni paesi riescono meglio di altri a portare la loro gente all’aeroporto internazionale di Kabul, ricorda un diplomatico. Altri paesi possono approfittare dell’accesso che alleati come gli americani, gli inglesi e i francesi hanno guadagnato. Aiuta anche il flusso agli ingressi dell’aeroporto se non ogni paese concede solo il proprio passaggio di persone. I ministri degli esteri della NATO hanno assicurato, dopo le loro consultazioni di venerdì pomeriggio, “di continuare il nostro stretto coordinamento” all’aeroporto.

I talebani non dovrebbero ostacolare l’evacuazione, hanno esortato i ministri degli esteri della NATO dopo i colloqui sulla presa del potere da parte degli islamisti in Afghanistan, dove migliaia di dipendenti di truppe e organizzazioni occidentali sono ora in difficoltà. “Il nostro compito immediato è ora quello di continuare l’evacuazione sicura dei nostri cittadini, dei residenti dei paesi partner e degli afghani a rischio, in particolare di coloro che ci hanno aiutato”, hanno dichiarato in seguito il ministro Sigrid Kaag e i suoi colleghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.