L’Italia richiede coronapas per gli insegnanti e nel trasporto pubblico

In Italia, a partire da metà settembre, il personale docente potrà sostare davanti alla classe solo se in possesso di un coronapass valido. Anche nel trasporto pubblico, i passeggeri devono avere il cosiddetto Green Pass, prova che qualcuno ha avuto almeno un colpo, è stato testato negativo per il coronavirus o ha recentemente recuperato da Covid-19. Lo hanno riferito i media italiani giovedì sera.

Ai dipendenti dell’istruzione vengono dati cinque giorni per dimostrare di rispettare le regole sanitarie, altrimenti il loro stipendio non sarà più pagato. Le regole si applicano sia alle scuole che alle università. Da venerdì 6 agosto, chiunque abbia più di 12 anni in Italia deve essere in grado di mostrare un Green Pass valido quando visita luoghi pubblici come musei e cinema, o quando si trova all’interno del settore della ristorazione. Circa il 65% degli italiani ha avuto almeno un colpo contro il coronavirus, il 54% è stato completamente vaccinato.

L’Italia ha registrato 27 decessi correlati al coronavirus giovedì, rispetto a 21 del giorno prima. Il numero giornaliero di nuove infezioni è aumentato da 6.596 a 7.230. Dall’inizio della pandemia di coronavirus, nel paese sono stati registrati 128.163 decessi per coronavirus, il secondo più alto in Europa dopo il Regno Unito e l’ottavo più alto al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.