OLTRE 3MILA DOMANDE PER L’ISEE IN PIÙ NEL 2020 AL CAAF CGIL TREVISO

L’indicatore necessario per accedere a sussidi e agevolazioni anti Covid
TREVISO – Nel difficile anno appena concluso il saldo delle DSU – le Dichiarazioni Sostitutive Uniche necessarie al calcolo dell’ISEE – elaborate dal Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale della Camera del Lavoro registra una crescita del 13%. Se nel 2019 erano state 23.482 le richieste elaborate nelle 17 sedi della provincia per l’ottenere l’ISEE, il 2020 ha visto un aumento delle domande gestite, con 26.525 DSU. Un trend che con ogni probabilità sarà confermato nel 2021 – al CAAF Cgil Treviso sono già quasi 4mila le domande presentate a gennaio e più di 5mila gli appuntamenti fissati per il mese di febbraio- e legato anche allenuove misure straordinarie anche in risposta all’emergenza COVID-19. Agevolazioni e sussidi come la Social Card, il Reddito di Emergenza e il Bonus Sociale per Disagio Economico con accesso regolato proprio dall’indicatore che fotografa la situazione reddituale del nucleo familiare. Uno strumento, dunque, sempre più indispensabile in questa congiuntura economica, che ha visto una crescente applicazione, non supportata, tuttavia da un’adeguata copertura finanziaria. La gratuità del servizio ISEE erogato dai Centri di Assistenza Fiscale è infatti garantita da finanziamenti statali, un tema completamento omesso dalle Legge di Bilancio 2021. “L’aumento delle DSU registrato nel 2020 nella Marca – afferma Monica Giomo, amministratrice delegata del CAAF CGIL Treviso – è allineato alla crescita su scala nazionale, con circa 8 milioni di nuclei familiari che si sono rivolti ai Centri di Assistenza Fiscale per ottenere la certificazione ISEE. Un trend crescente che ci preoccupa fortemente, dal momento che in forza della convenzione in essere con l’INPS, anche quest’anno saranno i CAF a trasmettere la quasi totalità delle DSU. Il paradosso è che, mentre la Finanziaria 2021 ha completamente omesso il tema delle risorse per i CAF, nuovi provvedimenti sono stati collegati all’ISEE, aumentando le richieste di assistenza. Siamo ben consapevoli del ruolo di supporto che offriamo alle famiglie, ai lavoratori e ai pensionati, per questo abbiamo già assunto nuovo personale per garantire l’assistenza necessaria a un numero crescente di persone e chiediamo interventi strutturali che ci permettano di sostenere sia questo investimento sia il mantenimento della gratuità del servizio ISEE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.