ARTE, MUSICA E GIOVANI AL MUSEO BAILO

Ecco il video-progetto girato nella Galleria del Novecento
TREVISO – Giovani, ballo e arte al Museo Bailo. Il video-progetto della Puppets Family, accademia trevigiana specializzata in danza, animazione e aggregazione giovanile, tiene a battesimo la nuova sinergia tra l’Amministrazione comunale di Treviso ele realtà che si interfacciano quotidianamente con i ragazzi per avvicinarli ai luoghi di cultura della città Dopo le aperture nei mesi scorsi ad iniziative come yoga e medicina narrativa, photo shooting e deejay-set, l’obiettivo è quello di promuovere i poli museali con il linguaggio dei giovani e dei social media.
I Puppets hanno girato un videoclip all’interno del Museo Bailo. «In questo periodo sentivamo la necessità assoluta di vivere la nostra arte – spiegano i responsabili della Academy fondata nel 2008 da Dani Leiban Concepcion e che ora rappresenta una vera e propria comunità – Non volevamo diffondere questa nostra passione solo all’interno delle nostre case, ma farla sfociare in qualcosa di importante, non solo per noi ma per l’intera comunità, anche perché esprimere e comunicare è indispensabile per il nostro settore artistico. Abbiamo pensato al Museo Bailo perché un luogo stupendo, da promuovere e da far conoscere anche ai più giovani”.
Nel progetto sono stati coinvolti tantissimi giovani del territorio, dalla influencer trevigiana Alice De Bortoli ai rapper Giovaneffe e Nova YC, artisti nati nei quartieri di Treviso, dai ballerini della Academy ai professionisti, nel pieno rispetto delle misure di sicurezza ed una preparazione esclusivamente online.
«Accogliamo con grande entusiasmo tutte le progettualità in grado di avvicinare i giovani, con un piglio fresco e innovativo, ai nostri luoghi della cultura – conferma il sindaco Mario Conte – È importante, in un periodo in cui anche il comunicare l’arte è mutato, avvicinarsi ai ragazzi utilizzando il loro stesso linguaggio e mi fa piacere che i loro progetti musicali e di aggregazione giovanile abbiano incontrato la nuova modalità di fruizione dei luoghi della cultura promossa dall’assessore Colonna Preti che ha già visto, per esempio, il Museo di Santa Caterina diventare luogo perfetto per la meditazione, la ginnastica e lo yoga».
«I Musei, oltre a conservare e mantenere il patrimonio artistico della Città, devono diventare luoghi di socialità – sottolinea proprio l’assessore ai Beni Culturali e Turismo Lavinia Colonna Preti – Vogliamo che i ragazzi li “facciano loro” per organizzare attività legate alle arti. L’arte che si aggiunge ad altra arte non può che generare bellezza».
Galleria fotografica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.