CAMPANE A FESTA PER IL BANDO DELLE ARMI NUCLEARI

Suoneranno domani a mezzogiorno nel Duomo di Vittorio Veneto
VITTORIO VENETO – Domani, alle 12 in punto, le campane della Cattedrale di Vittorio Veneto suonano a festa, in modo prolungato, per segnalare l’entrata in vigore del Trattato internazionale per la proibizione delle armi nucleari. L’accordo, promosso dall’Onu il 20 settembre 2017 e sottoscritto da 50 Stati, diventerà infatti operativo proprio il 22 gennaio 2021.
L’Italia purtroppo non è tra i Paesi firmatari del trattato. Per questo l’associazione “Mayors for peace” (“Sindaci per la pace”), a cui aderiscono diverse amministrazioni comunali della nostra nazione, ha diffuso in questi mesi un invito al Governo italiano a rivedere la propria posizione e ad accettare di firmare il documento.
Il suono delle campane a festa in Cattedrale a mezzogiorno del 22 gennaio è un segno esplicito che avviene nei capoluoghi di diverse diocesi del Triveneto, riconoscendo nell’entrata in vigore di questo Trattato un primo passo verso una “cultura della pace”, richiamata dallo stesso papa Francesco nel Messaggio della giornata della pace, celebrata lo scorso 1° gennaio.
Proprio sul tema del disarmo nucleare, infatti, stanno ruotando le iniziative del calendario di eventi “Passi di pace”, organizzato in modo coordinato dalle diocesi di Vittorio Veneto, Belluno-Feltre, Concordia-Pordenone, Padova, Trento, Treviso, Vicenza. Per la diocesi vittoriese fa da riferimento delle iniziative e coordina le attività del mese della pace don Andrea Forest, delegato vescovile dell’Ufficio diocesano per Pastorale sociale, Lavoro, Giustizia, Pace e Salvaguardia del creato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.