PROTESTE E FLASH MOB DEGLI STUDENTI IN TUTTO IL PAESE

In Veneto superiori a casa fino al 31 gennaio
VENEZIA – Rinvio del rientro sui banchi di scuola in Veneto fissato al 1 febbraio. Organizzate nella giornata di oggi manifestazioni di protesta e flash mob da parte dei ragazzi, studenti e docenti che chiedono di poter tornare a scuola.La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina si dice molto preoccupata: “Oggi la Dad non può più funzionare, c’è un blackout della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati e sono preoccupata per il deflagrare della dispersione scolastica”. Il comitato Priorità alla Scuola chiede che la scuola sia finanziata perché possa avere più spazi, più personale per fare uno screening sanitario regolare della comunità scolastica (docenti, ATA, studenti), per inserire, come categoria prioritaria, il personale scolastico ad alto rischio nella fase 1 dell’agenda vaccinale. Per questi motivi sono state organizzative nuove mobilitazioni anche per i prossimi giorni. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.