LA GRANDE GUERRA, PRIMO CONFLITTO TOTALE DELLA STORIA

Una mostra a Motta di Livenza indaga i rapporti tra civili e militari
MOTTA DI LIVENZA – La Grande guerra fu il primo conflitto totale della storia moderna. Totale perchè, oltre ai  combattenti, coinvolse l’intera società Non solo infatti pressochè tutte le famiglie italiane ebbero un loro componente arruolato tra gli oltre sei milioni di uomini e giovani in armi. Ma anche perchè le sue vicende influenzarono, direttamente o indirettamente, la vita di tutta la popolazione, anche quella rimasta a casa, comprese donne e bambini. A poco più di un secolo dalla fine delle ostilità, proprio questi aspetti vuole mettere in risalto la mostra “I legami tra civili e militari nella Prima guerra mondiale”, in programma dal 19 settembre al 4 ottobre 2020, nei pressi del palazzo espositivo delle ex prigioni di Motta di Livenza. Il percorso espositivo, organizzato e curato dal Multinational CIMIC Group in collaborazione con l’amministrazione comunale di Motta di Livenza, il 3˚ reggimento genio guastatori di Udine e l’Associazione del Fante, ha finalità divulgative e conoscitive di un periodo storico che ha segnato le basi della società moderna.
Una mostra dedicata a grandi e piccoli, che farà riscoprire le gesta di quegli uomini e di quelle donne che parteciparono al primo conflitto mondiale attraverso uno spazio espositivo che ripercorre quei terribili anni.
Tra i diversi cimeli esposti, le foto d’epoca e le uniformi storiche, ci sarà anche la possibilità di visitare una sezione di trincea, ricreata per l’occasione dai militari del CIMIC per rivivere le esperienze dei soldati al fronte.
La mostra verrà inaugurata il 19 settembre alle ore 11 alla presenza delle autorità militari e civili, e sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, fino al 4 ottobre, nel rispetto delle misure di contenimento previste dai Decreti Ministeriali a causa dell’emergenza sanitaria da CoViD-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.