DELUSIONE TVB: TRIESTE PASSA AL PALAVERDE 81-77

Inutili le belle prove di Akele e Mekowulu
TREVISO – Niente da fare nemmeno al Palaverde: la De’ Longhi fallisce l’appuntamento con la prima vittoria in Supercoppa con una prestazione al di sotto delle aspettative suscitate dalla gara di Mestre. Non è bastato un finale volonteroso per evitare che Trieste se ne tornasse a casa con i due punti. Akele e Mekowulu da una parte, Doyle e Grazulis dall’altra, sono i protagonisti all’inizio del match, che rimane in sostanziale equilibrio, grazie soprattutto alle difese, per i primi cinque minuti di partita (6-7). Poi è l’Allianz a prendere in mano il pallino del gioco, grazie a Udanoh e ancora a Grazulis, arrivando anche al +4, nonostante la tripla di Chillo. Treviso sembra in difficoltà, ma ci pensa Carroll con sei punti in in fila a risvegliare i suoi e la De’ Longhi torna avanti. Trieste prova a reagire con Henry e Upson, ma quando si scatena anche Logan per i giuliani sono tempi duri e i padroni di casa chiudono il primo periodo sul 22-17. Nel secondo periodo ci pensano subito Laquintana e Alviti a riportare gli ospiti sul 22 pari e la gara torna in equilibrio. L’Allianz ora è carica è continua a martellare, tanto che Upson allunga ancora il parziale fino all’11-0 e Trieste vola a +6. Il solito Chillo non basta, così Udanoh e Laquintana fanno anche +8. Akele e Cheese, però, con orgoglio, rimettono la De’ Longhi a -2 e per Trieste è tutto da rifare. Ci pensano allora Udanoh e Henry a riportare a +9 gli ospiti. I quattro punti finali di Akele, però, fissano il punteggio sul 36-41, che chiude il primo tempo e tiene vive le speranze di rimonta trevigiane.
Al rientro in campo Grazulis mette subito il +7 per Trieste, ma Akele ristabilisce subito il punteggio precedente. Dopo un duello a distanza Doyle-Mekowulu, che porta prima Trieste a +8 e poi Treviso a -5, sono ancora i giuliani che con un parziale di 7-0 a tornare in pieno controllo (+12). Merito di Upson e Grazulis, ma anche della regia di Laquintana, mentre la De’ Longhi ora sembra in bambola. Tocca allora a Russell e Akele prendere per mano la i padroni di casa, che riescono a rosicchiare qualche punto. Treviso, però, non va oltre il -7, perché l’Allianz si affida ancora a Grazulis, coadiuvato da Da Ros per restare in vantaggio e chiudere il terzo periodo addirittura avanti di dieci lunghezze. Mekowulu e Grazulis aprono le danze nell’ultimo quarto e il punteggio resta invariato, ma la pressione di Treviso si fa sentire. Carroll e Imbrò, infatti, riavvicinano pericolosamente la De’ Longhi fino al -5. La pronta risposta dei giuliani, tuttavia, non si fa attendere, così Da Ros e Fernandez riportano Trieste di nuovo a +10. I padroni di casa non mollano, tanto che Russel e Carroll fanno nuovamente -5, ma Henry si conferma ancora una volta l’anima di Trieste. L’americano, infatti, segna cinque punti in fila e rimette tutto come prima quando pochissimo al termine: la vittoria giuliana ora non sembra poter essere più in discussione.

DE‘ LONGHI TREVISO-ALLIANZ TRIESTE 77-81
DE’ LONGHI Russell 12 (1/5 da due; 6 r), Logan 8 (1/4, 2/4; 2 r), Cheese 4 (1/3, 0/2, 1 r), Vildera 2 (0/1; 3 r), Imbrò 3 (1/2 da due; 2 r), Chillo 5 (0/3, 1/1), Mekowulu 16 (4/9, 1/2; 8 r), Carroll 10 (3/5, 1/6; 5 r), Akele 17 (5/7, 1/4; 6 r). Ne: Buzzavo, Bartoli e Piccin. All. Menetti.
ALLIANZ Upson 8 (3/4, 0/1; 1 r), Fernandez 3 (0/3, 1/2; 1 r), Laquintana 9 (3/4, 1/2; 2 r.), Udanoh 9 (2/9; 8 r), Henry 14 (4/5, 1/5; 9 r), Da Ros 4 (2/2, 0/1; 4 r), Grazulis 17 (4/5, 3/4; 3 r), Doyle 12 (3/7, 2/4; 2 r), Alviti 5 (1/2, 1/3; 10 r). Ne: Coronica, Arnaldo, Cavaliero. All. Dalmasson.
ARBITRI: Baldini, Belfiore, Capotorto.
NOTE – T.l. De’ Longhi 27/32, Allianz 10/14. Percentuali: De’ Longhi 22/60 (16/40 da due, 6/20 da tre). Allianz: 31/63 (22/41 da due, 9/22 da tre). Assist: De’ Longhi 11 (Russell 6), Allianz 20 (Fernandez 7). 5 falli: Fernandez. Spettatori 200. Parziali: 22-17, 36-41, 54-64.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.