ESCURSIONISTA RECUPERATO SULLA FERRATA ALLEGHESI A 3100 METRI

Frattura al braccio per un bambino di Pistoia
BELLUNO – L’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sul sentiero numero 215, a una ventina di minuti di distanza dal Rifugio Vandelli, per il possibile trauma alla caviglia di una escursionista. Recuperata con un verricello di 15 metri, L.M., 46 anni, di Formigne (MO), è stata portata all’ospedale Cortina. Di seguito l’elicottero del Suem è stato dirottato a Pescul di Selva di Cadore per un malore nelle vicinanze del Rifugio Salander. Atterrato nelle vicinanze, dall’eliambulanza sono sbarcati tecnico di elisoccorso ed equipe medica che hanno prestato le prime cure all’uomo, E.N., 76 anni, di Vicenza, poi trasportato all’ospedale di Belluno. Intervento sul sentiero numero 556 sotto il Coldai per un probabile trauma alla caviglia. Una turista padovana, M.G.B., 41 anni, è stata recuperata con un verricello di 30 metri e accompagnata ad Agordo. L’eliambulanza è intervenuta a Livinallongo del Col di Lana, sul Bec de Roces, dove un bambino aveva riportato una sospetta frattura al braccio. Il bimbo, 10 anni di Pistoia, è stato subito medicato dal personale sanitario atterrato poco distante e poi portato al San Martino. Infine l’elicottero ha effettuato una ricognizione sul Civetta, lungo la Ferrata Alleghesi, per cercare un varco tra le nubi e provvedere al recupero di un escursionista affaticato nella parte terminale dell’itinerario attrezzato, a circa 3.100 metri di quota. Intervento portato a termine con l’imbarco avvenuto con un verricello corto. L’uomo, un trentasettenne polacco, è stato lasciato al Rifugio Coldai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.